martedì 10 febbraio 2009

Il ritorno degli anni ’50, a Milano.

Oggi la polizia ha caricato i lavoratori della INNSE, che impedivano l’accesso alla fabbrica di via Rubattino per evitare che la proprietà svuotasse lo stabilimento di macchinari e semilavorati decretandone così la morte.
La condotta di quei lavoratori secondo il codice penale è un illecito.
Ma sessant’anni di Costituzione non passano invano, e la giurisprudenza non è così monolitica nel valutare queste condotte, che rientrano in realtà per molti nel diritto di sciopero.
Incuranti di tutto questo, stamattina ruspe e manganelli si sono fatte largo tra i lavoratori della INNSE, risolvendo così con la violenza una disputa sindacale.

Io sono borghese, borghese “dentro”, credo nella proprietà (la mia e quella del mio prossimo) e nelle regole. Ma quando la polizia carica gli operai mi viene il magone.

6 commenti:

  1. Mh... Non è così banale -quel che è mio è mio- in questo caso, eh...
    Io ho letto che la proprietà s'è presa dei bei contributi statali, e poi con qualche gabola ha eluso l'accordo di tenere aperto. E ora vende per cementificare, di nuovo in deroga al piano regolatore, in vista dell'expò...

    RispondiElimina
  2. Diciamola tutta: la nuova proprietà dell’INNSE fa oggi quello che fece Fiat nel ‘90, quando si comprò la Innocenti (i cui stabilimenti guarda caso confinavano con quelli della INNSE) e, nel giro di tre anni, la chiuse trasformandola in una badge company, che appiccicava il proprio marchio sulle Mille brasiliane e sulle Koral 45 della Zastava, per poi dare vita a una speculazione urbanistica orrenda, con una densità di costruzione sicuramente lecita ma degna di un quartiere popolare degli anni cinquanta, a prezzi non esattamente popolari.
    Oggi, lo spazio di via Rubattino ha un valore immobiliare ancora più elevato, e quindi chi ha comprato l’ha fatto per quel motivo, più che per continuare la storia di INNSE, solo che ci sono dei lavoratori che vanno a casa, in una maniera che mette tristezza.

    RispondiElimina
  3. Sì, ma si dice che

    "Il padrone Silvano Genta la acquistò due anni orsono dall’amministrazione controllata ottenendo sgravi e prezzi stracciati dichiarando nelle sedi istituzionali della provincia di volerla rilanciare"

    Vogliamo incominciare a farla pagare cara a chi fa il furbo?

    RispondiElimina
  4. Oh, ma guarda che io sono d'accordo, eh?

    RispondiElimina
  5. Uff... mi togli tutto il divertimento, allora!!!

    RispondiElimina
  6. per oggi ti sei divertito anche troppo...

    RispondiElimina

mi raccomando: comportati bene, o sono bastonate!
(ebbene sì, sono tornati i captcha o come accidenti si chiamano; purtroppo ho dovuto metterli per bloccare una nuova ondata di spammer a luci rosse)