domenica 13 dicembre 2009

Tanto tuonò che piovve

Adesso giocheranno tutti a ridimensionare, scopriremo che si tratta d’un tifoso deluso dalla vendita di Kakà o d’uno squilibrato, ma i fatti sono lì.

Ancora una volta la reductio ad bestiam (quella che Ferrara chiamava un tempo character assassination) operata su Silvio Berlusconi ha funzionato.

Nel migliore stile nazista hanno trasformato l’avversario nel “male”, l’hanno fatto dal giorno dopo quello in cui espresse la legittima opinione sulla candidatura di Gianfranco Fini a sindaco di Roma, continuano a farlo ogni giorno da sedici anni.
Ancora una volta è andata bene: un cavalletto o un souvenir non sono una pallottola.
Ancora una volta non servirà a nulla, anzi gli sproloqui cresceranno solo, e gli evocatori del tirannicidio continueranno a dare fiato alla loro follia.

14 commenti:

  1. Non è per ridimensionare, ma l'autore dell'aggressione è in cura da 10 anni in un centro per malattie mentali, penso quindi che parlare di terrorismo sia ridicolo.

    RispondiElimina
  2. dai vabbè gabibbo, non mi aspetto da un blogger come te fare commenti alla emilio fede.

    RispondiElimina
  3. Dal punto di vista della materialità del diritto penale, aggredire il capo del Governo è cosa diversa dal fare a botte all’uscita della birreria; che poi, nel caso di specie, l’aggressore sembri essere uno squilibrato è una cosa che cambia i presupposti dell’applicabilità dell’articolo 280 del nostro codice penale, ma non ci impedisce di porci certe domande, che sono poi le stesse poste da Pansa a settembre e che io sottoscrivevo già allora.

    Da sedici anni è in corso una autentica caccia all’uomo verso Silvio Berlusconi, oggetto di una violenza verbale e non di cui mai un politico è stato destinatario nella nostra storia: io non riesco a stupirmi del fatto che qualcuno, meno stabile o più esagitato, decida che è il momento di passare all’azione, anzi, mi stupisco che non sia ancora accaduto di peggio.

    RispondiElimina
  4. Dai Gabì, non starò qui a dire chi ha iniziato con la violenza, ma Silvio non è sicuramente il primo dei non violenti. E con la potenza di fuoco dei suoi media può randellare tranquillamente chiunque gli si metta trai piedi. Ma quale caccia all'uomo...
    Ero sicuro che adesso si sarebbe passati al vittimismo...

    RispondiElimina
  5. ...dipietro LAVATI....
    Olandese Volante

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  8. Pietro, certo che era squilibrato, allora perché il Duomo non l'ha tirato in faccia a Bersani o a Di Pietro?

    RispondiElimina
  9. Rainbow mi ricorda molto gli stupratori che una volta presi dicono "certo, io ho stuprato ma cazzo, lei sei era messa la minigonna..."

    Beh, Rainbow certo non stupra, visto il suo logo...

    RispondiElimina
  10. Sono in ogni caso contro la violenza. Ma l'esasperazione dei toni è di tutte le parti politiche, specie i leghisti. Comunque, si tratta di un pazzo. Auguro al Berluska pronta guarigione fisica e mentale.

    RispondiElimina
  11. Ho cancella to i miei precedenti commenti perchè potevano-e sono stati-fraintesi. Qui si parla di uno squilibrato che -forse-è stato mosso da un clima di contrapposizione esasperata. Ciò non toglie che gli attacchi di Berlusconi alla Costituzione fossero deplorevoli come lo è stata l'assurda aggressione di ieri sera

    RispondiElimina
  12. beh le decine di migliaia di persone che si sono iscritte al gruppi pro Tartaglia non credo siano tutti squilibrati... non ho mai letto di un Blog o un Gruppo del tipo "Uccidete Prodi", "Morte a D'Alema" però sono usciti film come Shooting Silvio... ma di cosa stiamo parlando... voglaimo essere ipocriti fino in fondo??? La violenza verbale e fisica che la sinistra ha dimostrato in questi anni, non è riscontrabile nella destra, nella maniera più assoluta... non ho mai visto sosteitori del PDL con il casco e la bandana andare a sobillare gli animi a una dimostrazione della CGL o persino a quella stolta di Di Pietro.

    RispondiElimina
  13. Sul perchè uno squilibrato possa prendersela principlamente con Berlusconi bisogna considerare un fatto che, par quanto possa essere piacevole per i suoi sotenitori è inconfutabile.
    Se guardi i telegiornali potrai notare che tutti i giorni almeno per una decina di minuti c'è un siparietto di dichiarazioni del presidente del consiglio, è una sovraesposizione mediatica, che può scatenare la follia.
    Succede spesso, guarda per esempio il caso di John Lennon, ma in genere tutte le rock star hanno servizi d'ordine decisamente più efficenti di Berlusconi, sanno benissimo di essere le vittime privilegiate degli squilibrati.

    Sul fatto della violenza verbale, finchè ci saranno personaggi come quelli della Lega a fianco di Berlusconi è abbastanza ridicolo criticarne gli avversari, dalle minaccie di sparare fucilate ai magistrati che indagavano su Bossi, alle minacce di secessione armata, alla descrizione dei napoletani come puzzolenti schifosi, senza poi contare che tra i sostenitori di Berlusconi c'è anche di peggio, è noto il fatto che un paio di squilibrati che si firmavano "Silvio Forever" nel 1994 avevano sodomizzato con un manico di scopa Gianfranco Mascia, che con la sua campagna Boicottiamo il Biscione aveva provocato un calo del 3% in poche settimane degli introiti pubblicitari di Canale 5.
    Se si vuole generalizzzare e dare la colpa del'azione di uno squlibrato alle intemperanze verbali di Di Pietro, bisogna anche considerare che dall'altra parte opposta c'è gente altrettanto stupida.
    Il commentatore precedente non ha mai trovato gruppi su facebook intitolati uccidiamo prodi e simili perchè non li ha cercati.
    Esistono attualmente su facebook i seguenti gruppi:
    A morte Marco Travaglio
    Sopprimiamo Franceschini
    Uccidiamo Santoro
    Uccidiamo Bassolino
    Odio Prodi
    Prodi Merda

    MI sembra il solito vizio di parlare ripetendo a pappagallo le direttive di partito senza collegare il cervello.

    RispondiElimina
  14. Partiamo dalla solidarietà -unicamente umana- per Berlusconi.

    Però Gabibbo da te non mi aspettavo un'analisi così superficiale, concordo con Calamar.

    Sai benissimo su che humus si è sviluppato il berlusconismo. Gli italiani (tutti, eh) non sono mai stati cittadini, ma solo sudditi, non c'è mai stata cultura politica nel nostro paese. E su questa situazione, già pessima, s'è insediato Berlusconi, che ha approfittato della situazione, alimentando lo scontro frontale tra gli schieramenti. Ti ricordo che ha volutamente usato il gergo calcistico per parlare del suo ingresso in politica.

    Per l'anonimo: l'hai visto shooting Silvio o parli per sentito dire?

    RispondiElimina

mi raccomando: comportati bene, o sono bastonate!
(ebbene sì, sono tornati i captcha o come accidenti si chiamano; purtroppo ho dovuto metterli per bloccare una nuova ondata di spammer a luci rosse)